CANSON DA CHEULLIA

(M.Cappello - A.Margutti)

L' pasu za tnti nni

de qund'a ancn pivllo

qullo tnpo cosc bllo

chi mi ci s-u peu scord

qundi-andva into carggio

a demome co-i gardtti

mo di mascarsontti

che aset no poivan st

Me ne andva ala a schua

ma-e ci vtte me-a fugva

e formva a comitva

se n'andvimo a bagn

in sci mcchi a-o Psso Nuo

a Sn P laz da-a Fxe

ua cnto stto vxe

qust'antga m cansn

Chulia dnde t'?

me ricrdo a m caztta

de qund'a anco-n figeu

Chulia dnde t'?

t' o ricrdo m ci co

che ascordse no se peu

Chulia dnde t'?

co patli, quttro strsse

e a fasciua pe-o figeu

mi daiiva a m fortnn-a

pe rivdde i m carggi

e m strsse, i m strofggi

che me stvan tnto a-o cheu.

Fto pi 'n p ci grnde

me n'andva a l'Acasua

co-i figeu zugmo a l'ua

co-e figtte da m et

Aset in sc scn de prte

se demovimo a-e bdnn-e

e che e zirdoe fsan mnn-e

 s'occupmo con piaxi

A-i m tnpi qundi-a prta

a s'arvva co-o spaghtto

e a-a sia fto in ltto

ne metivan a dorm

Cse sn quste palnche

cse srvan a 'n vegtto

se a seu casa meschintto

frse o no vedi mi ci

Chulia dnde t'?

me ricrdo a m caztta

de qund'a anco-n figeu

Chulia dnde t'?

t' o ricrdo m ci co

che ascordse no se peu

Chulia dnde t'?

co patli, quttro strsse

e a fasciua pe-o figeu

mi daiiva a m fortnn-a

pe rivdde i m carggi

e m strsse, i m strofggi

che me stvan tnto a-o cheu.

 

ITALIANO: LA CANZONE DI CHEULLIA

Son passati tanti anni

da quando ero ragazzetto;

quel tempo cos bello

che mai pi si puo scordare?

Quando andavo nel vicolo

a divertirmi coi ragazzi

eravamo gran mascalzonetti

che non potevamo stare seduti.

Andavo allora a scuola male

pi volte marinavo

e formavo la comitiva;

ce ne andavamo a nuotare.

Sugli scogli al Passo Nuovo,

a San pietro laggi alla Foce,

ora canto sottovoce

questa antica mia canzone:

Cheullia dove sei?

mi ricordo al mia casetta

di quando ero ancora bambino!

Cheullia, dove sei?

Sei il ricordo mio pi caro.

che scordarti non si pu.

Cheullia, dove sei?

Coi panni e quattro stracci

e la fasci per il bambino.

Io darei la mia fortuna

per rivedere i miei vicoli,

e miei stracci le mie anticaglie

che mi stavano nel cuore.

Fatto poi un po' pi grande

e me ne andavo all'Acquasola;

coi ragazzi giocavo a nascondino

e le ragazze della mia et.

Seduti sui gradini delle porte

giocavamo ai sassi,

 e che le trottole fossero veloci

ci preoccupavamo con piacere.

Ai miei tempi quando la porta

si apriva con la funicella,

e la sera presto a letto

ci mettevano a dormire!

Che cosa sono questi soldi,

a che servono ad un vecchietto,

se la sua casa, poveretto,

forse non la vedr mai pi?